Blog: http://sergioragone.ilcannocchiale.it

Università priorità del governo Prodi anche in Basilicata

La Sinistra giovanile - dichiarano in una nota congiunta Francesco Critelli Responsabile nazionale Università Sg e Sergio Ragone coordinatore regionale Sg basilicata e Senatore accademico dell'Unibas- esprime pieno sostegno alle dichiarazioni del Ministro dell’Università e Ricerca Fabio Mussi, impegnato in un’opera tesa ad ottenere il riconoscimento dell’importanza strategica del settore universitario nel sistema nazionale. Diventa doveroso ribadire il ruolo che le giovani generazioni hanno avuto nella vittoria elettorale dell’Unione, riponendo nell’opera riformatrice del governo Prodi la speranza di un futuro migliore.

Crediamo, e daremo anche il nostro contributo anche in vista del prossimo senato accademico, che la questione legata all'apertura della facoltà di Scienze della formazione nel polo materano, debba trovare una felice soluzione, che possa permettere a tanti ragazzi e tante ragazze di non rinunciare, il prossimo anno, all'opportunità di poter studiare qui in Basilicata.

E salutiamo con vero piacere la nomina di Vincenzo Folino, Presidente del gruppo regionale dei Ds di Basilicata, a membro del consiglio di amministrazione dell'Unibas, che segna l'importanza e l'attenzione che il maggior partito riformista lucano vul dare al tema dei saperi delle risorse immateriali.

Università, diritto allo studio e ricerca scientifica diventano quindi irrinunciabile volano per lo sviluppo del nostro paese, in modo da fornire talenti ed eccellenza senza il cui contributo non si può neanche immaginare un’Italia ed una Basilicata migliore di quella attuale: non si possono deludere le attese, non si può venire meno al compito riformatore e innovatore cui questo Governo è chiamato. Bisogna partire dalle fondamenta, assicurando a tutti i meritevoli e privi di mezzo il sostegno economico e logistico ai fini del completamento del percorso didattico, e sforzarsi quindi di garantire un maggiore stanziamento di fondi indirizzati al diritto allo studio e all’edilizia universitaria: pur riconoscendo la difficile situazione dei conti pubblici non si può certo tornare indietro. La Sinistra giovanile esprime apprezzamento per la prevista assunzione di duemila ricercatori precari e per l’istituzione dell’Agenzia di valutazione nazionale, ma sostiene in modo convinto e deciso l’iniziativa del Ministro Mussi, pronta a mobilitarsi in sostegno e in difesa del diritto per tutti di accedere agli studi.

Pubblicato il 24/10/2006 alle 15.5 nella rubrica onthepress.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web